Domenica, 07 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Presunte molestie a studentesse minorenni, arrestato professore di Trebisacce
AI DOMICILIARI

Presunte molestie a studentesse minorenni, arrestato professore di Trebisacce

di
I fatti sarebbero avvenuti negli ultimi 4 anni, le studentesse si sarebbero rivolte al dirigente scolastico per denunciare quanto avveniva

Molestie sessuali: è l'accusa mossa dalla Procura di Castrovillari a un docente dell'istituto Ipsia di Trebisacce. Il professore avrebbe molestato in più occasioni alcune studentesse. I fatti contestati dal procuratore Alessandro D'Alessio si riferirebbero agli ultimi 4 anni. Il docente, molto noto nella Sibaritide, è stato stato posto agli arresti domiciliari. Le studentesse, minorenni, si sarebbero rivolte al dirigente scolastico per denunciare quanto avveniva. La Procura ha poi convocato le ragazze, che hanno confermato le accuse.

Il procuratore D’Alessio

«L'attività nasce - è detto nel comunicato - da diverse segnalazioni, circa i comportamenti del professore, effettuate da alcune alunne al dirigente dell’istituto. Quest’ultimo, dopo avere raccolto le dichiarazioni, ha inviato alla Procura di Castrovillari un’articolata denuncia sui fatti emersi. L’ufficio, quindi, provvedeva all’immediata iscrizione della notizia di reato. L'indagine successiva si articolava essenzialmente sull'assunzione delle testimonianze di numerose studentesse le quali fornivano una versione concordante sui consueti, illeciti, atteggiamenti che l’insegnante avrebbe assunto nei loro confronti, spesso anche durante l’orario di lezione, e, in ogni caso, sempre all’interno dell’istituto scolastico».

«All’esito delle informazioni, assunte direttamente dal magistrato della Procura della Repubblica di Castrovillari - si afferma ancora nella nota - il giudice ha condiviso la valutazione dell’ufficio inquirente circa la sussistenza di un quadro di gravità indiziaria. Tale quadro sarà sottoposto alle verifiche che saranno imposte dalla versione che l’indagato fornirà al giudice ed al pubblico ministero e che sarà oggetto, nel rispetto della fase attuale del procedimento e della presunzione d’innocenza, ad un’altrettanta rigorosa valutazione».

«Le indagini - conclude il procuratore D’Alessio - si collocano nell’ambito della grande attenzione che l’Ufficio di Procura riserva a tutte le notizie di reato ma, in particolare, a quelle di abusi nei confronti di soggetti di minore età».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook