Mercoledì, 06 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corigliano Rossano, pescatori sul piede di guerra: “Pronti a restituire le licenze”
IL PARADOSSO

Corigliano Rossano, pescatori sul piede di guerra: “Pronti a restituire le licenze”

di
Nessuna soluzione all'orizzonte per i problemi del caro-gasolio evidenziati dalla marineria di Schiavonea

Quando nel pomeriggio di venerdì e in una insolita ora (le 15,30) per simili tipi di attività, nella sala-convegni della sede dell’Autorità portuale di Corigliano, stavano per iniziare i lavori dell’annunciata “Conferenza regionale sulla pesca”, poco distante e quindi fuori da quel contesto, a manifestare contro il caro-gasolio, attraverso un nuovo sit-in, erano presenti loro: i pescatori di Schiavonea, peraltro totalmente ignorati (pur essendo i maggiori interessati) da quanti hanno promosso l’evento. La loro è stata, ancora una volta, una protesta del tutto pacifica, ma carica di tanto sentimento di riprovazione per non essere tenuti in alcuna considerazione e dal Governo centrale e da quello regionale. Prova ne è stata già l’altra settimana a Roma allorquando non è stato loro permesso nemmeno avvicinarsi al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali per esporre le proprie istanze al sottosegretario Francesco Battistoni e al ministro Stefano Patuanelli. Quale immediata risposta è stata, invece, quelle delle manganellate ricevute da parte delle forze dell’ordine. E dire che non sono poche le difficoltà oggettive cui i lavoratori del comparto, le imprese, le cooperative e l’intera filiera della pesca stanno attraversando sin dallo scorso mese di marzo a causa del continuo aumento del costo dei carburanti.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook