Domenica, 04 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cariati, pescatori preoccupati per il caro carburante
LA PROTESTA

Cariati, pescatori preoccupati per il caro carburante

di

A Cariati protestano i pescatori per il caro carburante. I pescatori di Cariati sono bloccati in porto, non solo per il fermo biologico della pesca, scattato il 5 settembre scorso, ma soprattutto a causa del costo oneroso del combustibile. Perché il caro gasolio e l’assenza di aiuti da parte dello Stato stanno facendo sorgere più di un dubbio, tra gli addetti ai lavori, sulla possibilità di tornare a uscire in mare dopo questa lunga pausa.

Il fermo cade quest’anno in un momento difficile poiché il blocco dell’attività va a sommarsi al caro carburanti, legato alla guerra in Ucraina con il prezzo medio del gasolio per la pesca che è praticamente raddoppiato rispetto allo scorso anno, costringendo i pescherecci a navigare in perdita o a tagliare le uscite e favorendo le importazioni di pesce straniero, considerato che fino ad oltre la metà dei costi che le aziende ittiche devono sostenere è rappresentata proprio dal carburante. Ecco cosa dicono, allarmati, i pescatori di Cariati: «Abbiamo lavorato per una settimana per una manciata di pesce, ma soldi a casa non ne abbiamo portato». «Adesso siamo arrivati proprio alla fine. Andando avanti in questo modo non ci resta altro che chiudere e vendere le barche».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud- Cosenza 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook