Martedì, 07 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cetraro, Aieta si difende davanti al Tdl: chiesta revoca del divieto di dimora
L'INCHIESTA

Cetraro, Aieta si difende davanti al Tdl: chiesta revoca del divieto di dimora

di
Cosenza, Cronaca
Giuseppe Aieta

Si è svolta, ieri mattina, l’udienza davanti al Tribunale della Libertà di Catanzaro a carico dell’ex consigliere regionale Giuseppe Aieta. Il politico cetrarese è accusato di corruzione elettorale nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Paola.
Il suo difensore, l’avvocato Vincenzo Adamo, ha spiegato ai giudici del Riesame che Aieta è totalmente estraneo alle accuse contestate dai magistrati. La scorsa settimana, il gip del Tribunale di Paola, Rosamaria Mesiti, ha emesso un’ordinanza di divieto di dimora in Calabria per Aieta. Il suo difensore si è poi rivolto al Tdl per chiedere la revoca della misura restrittiva. E ieri l’avvocato Adamo ha contestato i capi di imputazione che coinvolgono Aieta anche attraverso una serie di documenti e atti.
Ma l’accusa, rappresentata ieri in udienza dal procuratore capo Pierpaolo Bruni ha ribadito la validità dell’impianto accusatorio. Secondo le indagini, Aieta avrebbe favorito le assunzioni di persone indagate con lui in questa inchiesta in cambio di sostegno elettorale alle Regionali del 26 gennaio del 2020. Nei giorni scorsi la Procura ha chiuso le indagini nei confronti di Aieta; Dante Ferrari, amministratore delegato della Sateca, la società affidataria della gestione delle Terme Luigiane; Giuseppe Tucci azionista della stessa società e Mario Schiavoni, dipendente della Sateca.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook