Sabato, 24 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
COSENZA

San Basile diventa borgo del cinema e delle arti visive

di

Palazzo Tamburi entra nel patrimonio comunale per diventare un contenitore di attività culturali e ricreative. Luogo storico di memoria e di aggregazione per tante giovani generazioni degli anni passati, con la sottoscrizione dell’intesa tra i proprietari e il Comune, diventa prezioso bene della comunità.

Il sindaco Vincenzo Tamburi non nasconde soddisfazione per aver gettato le basi di un altro
progetto che punta alla valorizzazione del borgo arbëreshe. "Ho avuto il piacere di firmare l'accordo
con la famiglia Miraglia per la cessione del bene – dichiara- grazie all'inserimento della vendita in
un progetto regionale che vedrà il palazzo e la cittadina di San Basile diventare borgo del cinema e
delle arti visive".

Si tratta di un investimento complessivo di un milione e mezzo di euro, finanziamento che
permetterà all’amministrazione comunale di ristrutturare l'edificio e l’area di piazza Dante. Un
luogo nevralgico che contribuirà ad ampliare l’offerta di servizi culturali e turistici a cui da anni sta
lavorando l’esecutivo Tamburi.

"Il palazzo diventerà fulcro culturale della nostra identità arbëreshe – commenta il primo cittadino
- ma anche luogo dove risvegliare il vecchio cinema con seminari, laboratori e mostre sulla
cinematografia e le arti visive, grazie alla partnership già raggiunta con Vittorio Storaro,
ineguagliabile eccellenza italiana da direttore della fotografia dei più importanti registi mondiali
come Bertolucci, Francis Ford Coppola, Warren Beatty, Woody Allen e vincitore di tre premi Oscar
alla fotografia con Apocalypse now, Reds e L'Ultimo imperatore". San Basile diventerà così centro
nevralgico dei maestri del cinema e delle arti visive.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook