Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
PATRIMONIO UNESCO

Bonisoli a Rossano visiona "Codex purpureus rossanensis": "emozionato"

Codex Purpureus Rossanensis, ministro cultura bonisoli, rossano, Alberto Bonisoli, Cosenza, Calabria, Cultura
Il ministro Alberto Bonisoli

Il ministro per i Beni e le Attività culturali, Alberto Bonisoli, è stato in visita a Rossano Calabro, dove ha visionato il Codex Purpureus Rossanensis, il manoscritto greco del VI secolo conservato nel Museo Diocesiano e del Codex di Rossano.

«Il Vescovo di Rossano, che ringrazio per la preziosa ospitalità - ha detto Bonisoli - mi ha riferito che sono il
primo ministro a sfogliare una pagina di questo delicatissimo manoscritto. Sono onorato ed emozionato. Questo Codex deve farci riflettere sul potenziale che la cultura può avere in questo territorio. Mi vengono in mente due riflessioni. La prima è che i beni devono essere protetti il più possibile perché sono un patrimonio ereditato dai nostri avi e che lasceremo alle generazioni future. Nel Mezzogiorno, poi, questo patrimonio è
immenso e molto articolato.

La seconda è che la cultura, soprattutto in Calabria e in generale nel Mezzogiorno, può essere un modo per creare occasioni di occupazione». «Avere un tesoro come questo e non farlo conoscere a tutto il mondo - ha detto ancora
il ministro Bonisoli - è un peccato. Il Codex è patrimonio mondiale dell’Unesco e bisogna indurre i turisti a venire a
vederlo».

All’incontro con Bonisoli erano presenti il vescovo di Rossano, Giuseppe Satriano; il commissario prefettizio del
comune di Rossano, Domenico Bagnato; il prefetto di Cosenza, Paola Galeone, ed i vertici del Mibac, il segretario generale Giovanni Panebianco, ed il capo di gabinetto, Tiziana Coccoluto.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook