Giovedì, 09 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Castiglione cosentino, vecchia cabina telefonica trasformata in... biblioteca
L'INIZIATIVA

Castiglione cosentino, vecchia cabina telefonica trasformata in... biblioteca

Non manca nulla, neanche il liquido igienizzante da utilizzare prima di prendere i libri

È una vecchia cabina telefonica a gettoni, un tempo preziosa per le comunicazioni urgenti, ma ormai da tempo resa inutile dalla vertiginosa diffusione le telefonini. Adesso tornerà a rivivere come luogo di scambio di libri per bambini. Succede a Castiglione Cosentino, centro della valle del Crati. La «Biblio-Cabina» è installata in un parco pubblico del paese. A farsene promotore è stato il sindaco, Salvatore Magarò.
«Si tratta di una piccola iniziativa - spiega - che s'inserisce in un progetto culturale che stiamo portando avanti nella nostra comunità. Abbiamo recuperato, direttamente da una discarica, una vecchia cabina telefonica - dice il sindaco - e, dopo averla restaurata e ripulita, l’abbiamo sistemata in un parco giochi abitualmente frequentato dai bambini e dai loro genitori. L’abbiamo riempita di libri per bimbi ed è diventata una vera, piccola biblioteca, a disposizione di tutti».
Non manca nulla, neanche il liquido igienizzante da utilizzare prima di prendere i libri. «Abbiamo anche inserito dei pannelli educativi con dei messaggi rivolti ai piccoli lettori e alle loro mamme - aggiunge Magarò - per esempio «io leggo per legittima difesa», «i libri sono l’alimento della giovinezza e la gioia della vecchiaia», o ancora «i libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito» e tante altre». L’idea, assicura il primo cittadino, ha suscitato molto entusiasmo da parte dei genitori, «che portano - dice - i loro figli prima a giocare e poi si fermano sulle panchine a leggere con i bambini».
Ma come ci si approvvigiona dei diversi volumi? «Sono le stesse mamme che portano dei libri e li lasciano a disposizione degli altri - spiega Salvatore Magarò - e ogni giorno c'è un cambio sistematico dei vari testi. Un’iniziativa che è costata davvero zero - precisa - e che pensiamo di replicare anche per altri parchi e per altri luoghi. Manca solo la luce, al momento, ma adesso annuncia. installeremo un pannello solare così si potrà leggere anche di sera».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook