Domenica, 09 Dicembre 2018
IL DOSSIER

L'occupazione cresce e l'industria è in calo, Cosenza vive di terziario

di
cosenza, economia, industria, occupazione, terziario, Cosenza, Calabria, Economia
Veduta di Cosenza dall'alto

Occupazione in aumento nei dodici mesi del 2017. In Calabria come nel Cosentino dove anzi il trend è pure migliore della media regionale: +1,4% che porta il dato al 41,5% totale. Lo racconta il Dossier L’economia in provincia di Cosenza. Dinamiche congiunturali e sistema del credito, 14esimo rapporto della Bcc Mediocrati stilato da Demoskopika.

Percorso inverso per il tasso di disoccupazione che cala pure In Calabria e nel Cosentino come nel resto d’Italia, ma da noi è decisamente più alto che nel resto della penisola. È quasi doppio: 11,2% a livello nazionale (nel 2017 calato di mezzo punto), 21,6% (-1,6%) in Calabria e 21,2% (-2,5%) nel Cosentino. Alla gelida impietosità dei numeri, gli studiosi della Bcc aggiungono parole inequivocabili, parlando di una «situazione occupazionale che a livello locale continua a essere critica».

Nel lungo periodo, dal 2004 al 2017, il numero degli occupati è progressivamente diminuito fino a raggiungere un calo di oltre 33mila unità (-14,3%), passando da 232mila a 198mila. Contestualmente, è sottolineato nel dossier, «le persone in cerca di occupazione aumentano sensibilmente di 26mila unità (+94,3%), portandosi a quota 53mila nel 2017. Con un balzo registrato tra il 2011 e il 2012 che mostra una situazione occupazionale compromessa, visto l’aumento repentino di disoccupati».

Terziario anzitutto

Il sistema produttivo cosentino, raccontano gli studiosi ingaggiati dalla Bcc, è «fortemente legato al terziario. Analizzando il flusso occupazionale suddiviso per ripartizione settoriale, emerge un’elevata quota di occupati nei servizi pari a 151mila unità nel 2017 (il 76% del totale).

Industria in picchiata

Nel lungo periodo c’è un calo in tutti i settori, con l’industria in testa: -33,9% pari a quasi 7mila unità. Andamento analogo per il settore delle costruzioni: -36,3% che significa una riduzione di 8mila unità. «Una grave flessione degli occupati – è sottolineato nel dossier – è stata registrata anche nel settore agricolo nel lungo periodo (-40,2%, ossia più di 13mila unità in meno), che passa da 33mila unità del 2004 a quasi 20mila nel 2017».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X