Lunedì, 13 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Il Natale doloroso dei lavoratori delle "esternalizzate" di Cosenza
LA VERTENZA

Il Natale doloroso dei lavoratori delle "esternalizzate" di Cosenza

di
lavoro, Cosenza, Calabria, Economia
Gli uffici dell'Asp di Cosenza

Natale decisamente poco sereno per i lavoratori che operano negli appalti esternalizzati di pulizie di statali e parastatali. Punto Servizi soc. coop che ha il servizio di pulizia e sanificazione degli uffici Asp di Cosenza e provincia è forse il caso più eclatante, secondo quanto denunciano i sindacati, per il modo in cui ha inteso creare discriminazioni tra lavoratori.

«La società – ha spiegato Annalisa Assunto segretario della Filcams Cgil di Cosenza – ha retribuito il mese di novembre a quasi tutti i lavoratori e ha escluso quelli aderenti al nostro sindacato, perché hanno rivendicato la tredicesima dell’anno 2018 non ancora retribuita e la puntualità del salario corrente».

Il sindacato fa sapere che da 5 anni si cercano soluzioni che non pregiudichino la stabilità salariale di questi lavoratori, per lo più monoreddito, perché la cooperativa paga a singhiozzi, adducendo come motivazione il ritardo dell’incasso del dovuto da parte dell’ente.

Il problema è che questa situazione è generalizzata e comprende diversi lavoratori che lavorano nel settore delle pulizie, nonostante operino in uffici statali.

Non va meglio, infatti, agli addetti alle pulizie della sede locale dell’Agenzia dell’Entrate di via Barrio, a coloro i quali si occupano del servizio mensa in alcuni istituti della città e dell’area urbana e degli uffici della Regione e della Provincia.

«Il vero dramma è che la Punto Servizi è in buona compagnia con la G.L.H s.r.l (ex Gareri Ambientali Servizi ndr) – ha specificato Annalisa Assunto – anche in questo caso i lavoratori, che operano negli appalti di pulizie degli uffici dell’Agenzia delle Entrate, non potranno comprare neppure un panettone, così come i lavoratori della Siarc S.p.a che operano nelle mense scolastiche o ancora i dipendenti della Puliservices s.r.l, impiegati negli uffici della Provincia, della Regione e di Equitalia. A gennaio si attiveranno mobilitazioni ad oltranza ed auspichiamo che a quei pochi eroi si affianchino altri lavoratori, la dignità non ha prezzo».

Un disastro, insomma. Del resto, più che le allarmanti dichiarazioni dei sindacati è la realtà quotidiana a svuotare di contenuti la festa dell’anno. In una terra depressa come la nostra, ormai, si campa alla giornata con quello che si riesce a portare a casa. Si sopravvive alla fame anche in quelle famiglie dove fino a qualche anno fa pane e tranquillità non mancavano mai. La fotografia di una povertà che, in questi ultimi tempi, ha rotto i tradizionali argini e non ha più ostacoli.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook