Giovedì, 26 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia L’energia costa troppo, appello di Confindustria Cosenza
LAVORO

L’energia costa troppo, appello di Confindustria Cosenza

di
Il presidente Fortunato Amarelli sollecita una serie di mirati interventi. A rischio le produzioni perchè mancano i materiali
Cosenza, Economia
Fortunato Amarelli

Una crisi profonda a Cosenza. I costi dell’energia impattano negativamente sulle aziende della nostra provincia come su quelle del resto del Paese. Si registrano ritardi sulla fornitura dei materiali nel settore manifatturiero con contestuale blocco o ritardo nei sistemi produttivi e di lavoro. La situazione è davvero emergenziale e gli industriali ne sentono il peso: i costi per le aziende sono cresciuti enormemente negli ultimi due anni. A lanciare l’allarme è il presidente di Confindustria, Fortunato Amarelli. «Oltre all’emergenza pandemica ci troviamo a fare i conti con una vera e propria crisi energetica che ha conseguenze terribili sul sistema produttivo» afferma Amarelli aggiungendo poi le cifre che testimoniano del disastro incombente: «l’incremento del prezzo del gas nelle ultime settimane è stato del 280% rispetto a gennaio 2021 e del 650% rispetto allo stesso periodo del 2020. Il tutto si traduce in un aumento delle bollette, passate da 8 miliardi nel 2019 a 21 miliardi nel 2021, e che arriveranno a 37 miliardi di euro nel 2022 con un impatto devastante sul sistema produttivo italiano e calabrese. Il costo dell'energia per le imprese italiane nel 2019 è stato di 8 miliardi, nel 2021 di 20 e la previsione per il 2022 è di 37 miliardi. È un livello assolutamente insostenibile».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook