Sabato, 24 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Acqua e veleni a Cosenza, Occhiuto querela Morra

di
acqua inquinata, Mario Occhiuto, Nicola Morra, Cosenza, Calabria, Politica
Mario Occhiuto

Per adesso gli unici veleni che affiorano dall'acqua sono di carattere politico. Tossine che riportano a galla i miasmi di una campagna elettorale senza fine e che continuano a produrre scontri tra fazioni con passaggi a vuoto e teorie complottiste.

La miccia a combustione rapida era stata innescata dal presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, con la denuncia documentata di valori di inquinamento dell'acqua potabile di Cosenza superiori alla norma, principalmente, in alcune fontane pubbliche della città.

Un allarme che ha prodotto, inevitabilmente, ore d'angoscia con decine di telefonate di cittadini preoccupati ai centralini di Palazzo dei Bruzi. Il Comune, dopo la secca smentita dell'assessore Francesco Caruso ha deciso di procedere per legge contro il senatore grillino. Stavolta, la ferita lasciata sul costato dell'amministrazione comunale dalle parole degli avversari politici di sempre appare, evidentemente, troppo profonda. Ed è stato lo stesso sindaco, Mario Occhiuto, a preannunciare via social la querela nei confronti del parlamentare del M5S. 

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Cosenza

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook