Sabato, 24 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Una pianta di cedro come simbolo del gemellaggio Fiumefreddo Bruzio-Blat

Una pianta di cedro come simbolo del gemellaggio Fiumefreddo Bruzio-Blat

Il sindaco Rosario Fortunato Barone: “Un segnale forte di apertura verso l'esterno e fiducia nella collaborazione e cooperazione tra i popoli"

È stato siglato lunedì 21 il patto di gemellaggio tra la cittadina tirrenica di Fiumefreddo Bruzio e il comune libanese di Blat. L’evento promosso, dall’associazione "Guido Carli" e da Confapi Calabria, ha puntato alla valorizzazione del turismo interculturale.
Nella storia del nostro Paese, infatti gli scambi con il Libano, dal punto di vista economico e culturale, sin dall’esperienza delle Repubbliche Marinare hanno mantenuto continuità e fervore.

Nel corso della cerimonia tenutasi a Fiumefreddo Bruzio, si è assistito allo scambio di targhe tra l’ambasciatore del Libano, Mira Daher e il Sindaco della cittadina calabrese, Fortunato Rosario Barone.
Sono stati inoltre presenti all’evento il prof. Federico Carli e il vicepresidente nazionale e presidente regionale di Confapi Calabria, Francesco Napoli.
Le parti, interessate a rafforzare i legami di amicizia e collaborazione con un formale patto di gemellaggio, si sono impegnate ad attivare le relative procedure previste dalle rispettive leggi nazionali.
Rosario Fortunato Barone, sindaco del bellissimo borgo sulla costa tirrenica, ha espresso soddisfazione per questo importante accordo: “Grazie alla sottoscrizione di questo patto di gemellaggio con la città di Blat, che si va ad inserire in un contesto globale molto difficile per le vicende che stiamo tutti vivendo, oggi vogliamo mandare, come comunità, un segnale forte di apertura verso l'esterno e fiducia nella collaborazione e cooperazione tra i popoli. Sono orgoglioso di poter dare questo contributo come sindaco di Fiumefreddo Bruzio e sono fiducioso che venga raccolto anche delle future generazioni come un segno dell'impegno di tutti noi per una civiltà più consapevole, aperta e impegnata attivamente nell'integrazione”.

I saluti sono sopraggiunti in collegamento internet, anche da Abdo Outayek, sindaco della città di Blat, perla del Mediterraneo orientale che ha iniziato il suo discorso salutando i presenti nella lingua italiana: “Volevo salutarvi in italiano per esprimere il mio amore e la mia amicizia verso il popolo italiano”.
Per suggellare il patto Calabria-Libano, in conclusione di giornata, è stato messo a dimora sul suolo di Fiumefreddo Bruzio, una pianta di cedro del Libano donata personalmente dall'ambasciatore Daher, come simbolo di speranza, alleanza e amicizia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook