Sabato, 04 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Questura di Cosenza, inaugurata la statua dell’artista e vice ispettore Giuseppe Savoia
POLIZIA

Questura di Cosenza, inaugurata la statua dell’artista e vice ispettore Giuseppe Savoia

di
La scultura in bronzo raffigura lo stemma araldico della Polizia di Stato e San Michele Arcangelo ed è un omaggio e simbolo di riconoscenza gli agenti caduti

È stato realizzato dall’artista rossanese Giuseppe Savoia, Vice Ispettore della Polizia di Stato, il monumento ai caduti della Polizia di Stato inaugurato nei giorni scorsi e installato all’ingresso della Questura di Cosenza. L’opera è stata “scoperta” nella giornata di giovedì, alla presenza del Capo della Polizia Prefetto, Lamberto Giannini, del Questore di Cosenza, Giovanna Petrocca, unitamente alla folta rappresentanza delle massime autorità religiose, militari e civili.

Emozionante il momento in cui si è ascoltato il “silenzio”, mentre l’inaugurazione si è conclusa con la benedizione dell’opera da parte all’arcivescovo metropolita di Cosenza, Francescantonio Nolè.
Il monumento, per come illustrato dallo stesso agente Savoia, che è anche responsabile dell’Ufficio di Polizia Scientifica del Commissariato di Corigliano Rossano, nonché già autore di varie opere di pregio installate sul territorio della sibaritide, oltre a incarnare il sentimento di riconoscenza e devozione per i martiri della Polizia di Stato, ribadisce i valori propri della società civile.
“Diversi mesi di costante dedizione e passione – ha dichiarato Giuseppe Savoia - hanno reso possibile la realizzazione di questa scultura in bronzo raffigurante, oltre lo stemma araldico della Polizia di Stato, San Michele Arcangelo che eleva nei cieli, con un amorevole abbraccio, l’anima di un caduto. L’opera assolve al duplice compito d’ispirare i colleghi che quotidianamente si accingono a prestare il loro servizio e a celebrare il sentimento di riconoscenza e devozione verso coloro che hanno dato la vita per la collettività. Perché non solo le guerre, le calamità o le pandemie portano con se degli eroi ma c’è bisogno quotidianamente di donne e uomini che, saldi sul loro solenne giuramento, sono disposti a dare anche la vita in nome dei propri valori. Ringrazio il mio caro amico Luigi Cofone per il supporto tecnico offertomi durante la realizzazione dell’opera e Confindustria per aver contribuito alla realizzazione dell’evento”.

L’opera, una stele in bronzo di oltre 450 chilogrammi, è stata infatti realizzata anche grazie al contributo dell’Associazione Industriali Confindustria e Ance Cosenza, nella figura del suo presidente, dott. Fortunato Amarelli.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook