Mercoledì, 27 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Civita, un milione di euro per la messa in sicurezza del territorio - FOTO

Civita, un milione di euro per la messa in sicurezza del territorio - FOTO

Il Comune di Civita riceve un cospicuo contributo di circa un milione di euro per interventi di messa in sicurezza della viabilità e del territorio a valle dell’abitato. Ad annunciarlo è il sindaco Alessandro Tocci: «Con decreto del ministero dell’Interno, di concerto con il ministero dell’Economia e delle Finanze, sono stati determinati i Comuni a cui spetta il contributo da destinare ad investimenti relativi ad opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio. Entro il 15 settembre scorso abbiamo presentato la richiesta, che nel nostro caso poteva essere nel limite massimo di 1 milione di euro essendo Civita un comune sotto i 5mila abitanti». L’ammontare del contributo riguarderà, nello specifico: investimenti di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico; investimenti di messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti; investimenti di messa in sicurezza degli edifici, con precedenza per gli edifici scolastici, e di altre strutture di proprietà dell’ente.

La soddisfazione del sindaco

«Questo ennesimo finanziamento dimostra – ha sottolineato il sindaco Alessandro Tocci a nome dell’intera Giunta - che quando si lavora con impegno e passione per il bene comune i risultati non tardano ad arrivare e si riesce a intercettare finanziamenti sia nazionali e sia regionali. Questo ennesimo contributo è il frutto di un lavoro sinergico e attento tra gli amministratori e gli uffici comunali, soprattutto quello tecnico, che ringrazio, ancora una volta, pubblicamente. La tutela del territorio è uno dei punti fondamentali del nostro agire amministrativo. Il nostro auspicio è che i lavori possano iniziare quanto prima affinché la comunità di Civita ne possa beneficiare al più presto sia dal punto di vista della messa in sicurezza del territorio, ma anche dal punto di vista occupazionale».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook