Sabato, 24 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Cosenza, l’associazione "Monica Trotta" ha donato un ecografo all’ospedale Annunziata

Cosenza, l’associazione "Monica Trotta" ha donato un ecografo all’ospedale Annunziata

È in nome del ricordo ma soprattutto della solidarietà che l’Associazione "Monica Trotta", nata nel 2019 per la prematura scomparsa di un’amica e di una donna straordinaria, sviluppa iniziative concrete che possano alleviare le sofferenze dei pazienti oncologici.
L’ultima attività, resa possibile grazie alle libere donazioni dei cittadini e all’impegno dei volontari, è l’acquisto di un ecografo che è stato ufficialmente consegnato all’U.O.S.D. di Ablazione Percutanea Ecoguidata ecografia interventistica, diretta dal dott. Giovanni Vallone. Uno strumento importantissimo che andrà ad arricchire l’eccellenza di questo reparto dell’azienda ospedaliera di Cosenza.

Tale Unità sanitaria è inserita nel dipartimento di medicina e ha come mission principale la diagnosi e la terapia di tutte le patologie di interesse internistico che possono avvantaggiarsi dell’ecografia e dell’ecografia interventistica, sia nella fase diagnostica che in quella terapeutica. In particolare, l’attività dell’UOSD, nata nel 2017, si snoda su più livelli, occupandosi della gestione e dello screening del paziente con malattia diffusa di fegato (cirrosi, steatosi, epatite B e C, patologie autoimmuni del fegato), inoltre della gestione diagnostica-terapeutica del paziente con lesioni focali del fegato, benigne e maligne, primitive e metastatiche.

Avere a disposizione un ecografo portatile, corredato dalle sonde ecografiche convex e lineare, consentirà certamente di ampliare il numero di pazienti da sottoporre ad esame ecografico diagnostico, a procedure invasive ecoguidate, con il vantaggio di poter eseguire le stesse anche al letto del malato e nelle diverse unità operative dell’ospedale dell’Annunziata. In questo modo – ne sono convinti i membri dell’Associazione Trotta – il sorriso di Monica si perpetua e continua a vivere nella speranza di salvare chi si ammala.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook