Giovedì, 20 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Cosenza: non si fermano all'alt, investono un carabiniere e fuggono. Sospetto trauma cranico per il militare FOTO

Cosenza: non si fermano all'alt, investono un carabiniere e fuggono. Sospetto trauma cranico per il militare FOTO

Non si fermano all'alt e investono un carabiniere che rimane ferito. È successo in via Romualdo Montagna a Cosenza.

Secondo quanto si è appreso un'auto anziché fermarsi al posto di blocco dei carabinieri ha investito volontariamente il militare. A bordo della vettura, una Mercedes classe A, quattro persone.
Dopo aver centrato il carabiniere i quattro sono fuggiti a tutta velocità a bordo dell'auto verso il centro storico della città e sono attualmente ricercati. Il militare è stato soccorso e trasportato in ospedale all'Annunziata dove è stato ricoverato.
I quattro autori del ferimento sono tutti italiani. Tre di loro sono stati prontamente fermati, mentre il quarto è ancora ricercato.

I dettagli

Tre persone sono state portate in caserma dai carabinieri per il ferimento del vice brigadiere Salvatore Paternostro, di 51 anni, investito stamane da un’auto in fuga che non si è fermata all’alt dei militari nel centro di Cosenza. Si tratta di tre italiani (e non di stranieri come si era appreso in un primo momento). Il vice brigadiere, che è stato sottoposto ad accertamenti in ospedale, è stato sbalzato in aria nell’impatto. La vettura utilizzata dai malviventi, una Mercedes classe A di colore grigio, ha il parabrezza rotto e una targa di prova. Intanto il comando provinciale dell’Arma ha comunicato che, per il momento, non saranno rilasciate dichiarazioni ufficiali.

Sospetto trauma cranico

Il vicebrigadiere Salvatore Paternostro (51 anni, oggi è il suo compleanno) ha un sospetto trauma cranico, diverse escoriazioni ma nessuna lesione interna. Il sottufficiale è cosciente ed è sotto osservazione all’ospedale di Cosenza dove è stato sottoposto a Tac. Solo la sua prontezza di riflessi ha scongiurato conseguenze più gravi nell’impatto con la vettura, essendosi tuffato per evitare l’urto e attenuandone così gli effetti.
Il sindaco Caruso condanna il vile gesto

L'episodio verificatosi questa mattina in via Romualdo Montagna va fermamente condannato e chi se ne è reso responsabile assicurato al più presto alla giustizia”.

Questa la reazione del sindaco Franz Caruso sul gravissimo episodio di cui è rimasto vittima un carabiniere dell'Arma, investito da un'autovettura alla quale aveva intimato l'alt per un controllo, mentre era nel pieno esercizio delle sue funzioni.

Si è trattato – sottolinea il primo cittadino – di un gesto vile, di inaudita gravità e violenza che merita tutta la nostra riprovazione e il nostro sdegno. Esprimo la mia personale solidarietà e quella della città di Cosenza al carabiniere investito nell'esercizio del suo dovere e a tutta l'Arma dei carabinieri che quotidianamente profonde ogni sforzo per garantire la sicurezza dei cittadini ed il rispetto della legalità. Non è pensabile che la nostra città possa diventare teatro di episodi così gravi e così violenti. Auspico, pertanto, che su quanto avvenuto sia fatta piena luce e che siano prontamente individuati i responsabili”.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook