Lunedì, 03 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Cosenza, quel Museo scambiato per parco giochi

Cosenza, quel Museo scambiato per parco giochi

di

Qualcuno, prima o poi, glielo dovrà pur dire alle allegre famigliole con pargoli a seguito che quegli strani orpelli, sparsi qua e là, lungo corso Mazzini non sono i componenti d’un parco del divertimento. Bisognerà trovare il modo (con le parole giuste e senza offendere nessuno, per carità) di spiegarglielo, a certa gente, che quelle sono opere d’arte d’un museo all’aperto e come tali, cioè come opere d’arte, non si prestano a un uso improprio che va al di là dell’ammirazione.
Insomma bisognerà dirglielo a certi genitori che sul “Lupo della Sila” di Rotella – quello installato in piazza Kennedy – non si può andare a cavalcioni né per divertimento (capirai il divertimento, poi: manco si muove ed è pure scomodo) tantomeno per scattare la foto-ricordo da “postare” sui (maledetti) social. Ci sono giorni che davanti a quel “Lupo” di marmo ululante si formano le file: e qualcuno deve star lì a regolamentare non solo la precedenza (ci vorrebbero i bigliettini come al Cup dell’Asp o in salumeria) ma anche il tempo di permanenza sulla groppa di ciò che per alcuni (quelli scesi giù da Marte, si presume, visti i presupposti) è solo un’opera d’arte d’apprezzare e da scrutare fin nei particolari.
C’è stato un tempo in cui le stesse orde di genitori con pargoli urlanti mostravano analoghe attenzioni anche davanti al “San Giorgio e il drago” di Dalì, al quale per ben due volte, negli anni passati, hanno, pure, rubato la lancia. Poi visto che cavalcare quella statua non era proprio agevole – un po’ per l’altezza, un po’ per la posizione di San Giorgio che occupa buona parte della groppa – tutti si son riversati in piazza Kennedy a far la fila davanti al “Lupo” anche se i più coraggiosi e impavidi (ma sono una sparuta minoranza) a volte s’avventurano, nel frattempo, a scalare le “Bagnanti” di Emilio Greco. Altro discorso – al peggio non v’è mai fine – l’assurda pratica del vandalismo.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook