Sabato, 04 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Da Paola a New York, “Brindiamo” con l’italian lifestyle

Da Paola a New York, “Brindiamo” con l’italian lifestyle

di

La simbolica data d’inizio dell’emigrazione italiana nelle Americhe può essere considerata forse il 4 ottobre 1852, quando a Genova venne fondata la Compagnia Transatlantica per la navigazione a vapore con le Americhe. Ancora oggi dopo quasi due secoli si continua a inseguire il sogno americano. Ornella Fado lo ha realizzato a New York grazie a Brindiamo. Un programma in onda ormai da sedici anni sul canale newyorkese NYC e da qualche tempo anche su Amazon Prime Video visibile in 60 Paesi, mentre per l’Italia sulle piattaforme Samsung Tv plus, Rakuten, Lg e Huawei. Orgogliosa delle sue radici e della sua italianità ha avuto l’intuito di avvertire come a New York mancasse un programma televisivo dedicato agli italiani. Brindiamo - di cui Ornella Fado è ideatrice produttrice e conduttrice - è stato il precursore dei cooking show molto in voga oggi. È ambientato nei migliori ristoranti italiani di New York, e racconta vita e ricette degli chef tricolori più rinomati. Ospita i personaggi del lifestyle italiano di passaggio dagli States.
Recentemente Ornella Fado è stata eletta consigliere per i Comites per la circoscrizione di New York. I Comitati degli italiani all’estero, sono gli organi di rappresentanza degli italiani all'estero nei rapporti con le rappresentanze diplomatico-consolari. Sono istituiti in ogni circoscrizione consolare ove risiedono almeno tremila cittadini italiani iscritti nell'elenco aggiornato dell’Aire. E ha anche fondato una non profit organization.
Riavvolgiamo il nastro. I primi passi nel mondo dello spettacolo li compie in riva al Tirreno cosentino, a Paola. Ad appena 17 anni si trasferisce a Roma con Diana Ferrara all’epoca etoile del teatro dell’opera dove entra a far parte della sua compagnia. È nella capitale che Ornella Fado continua senza sosta il suo percorso professionale prima come ballerina classica e poi televisiva. Giovanissima è vincitrice della borsa di studio della regione Lazio, poi in sequenza approda a Fantastico 6, il programma condotto da Pippo Baudo con Lorella Cuccarini. Oggi in America il suo programma è diventato un appuntamento fisso e molto amato dal pubblico. La seguono gli italoamericani di seconda o terza generazione, curiosi di saperne di più sul paese delle loro origini, ma anche una buona fetta delle varie etnie che popolano la Grande Mela. Della Calabria e di Paola ha dolci ricordi e ritorna con piacere quasi ogni anno: «il mio sogno americano in realtà - ci dice - è avvenuto quasi per caso. In Italia ho lavorato con incredibili artisti e registi, dalle televisione al teatro e cinema». Ornella Fado è stata anche prima ballerina in Rinaldo con Massimo Ranieri ha debuttato come prima attrice al Petruzzelli in “Aggiungi un posto a tavola” con Johnny Dorelli. La svolta tuttavia è arrivata durante “A chorus line”: «ho conosciuto il direttore di musica che era americano, anche se mi sono trasferita in America per amore. Ho raggiunto mio marito. Giunta a New York ho capito l’importanza di dare voce agli italiani all’estero. È nato così “Brindiamo” che è l’unico programma dedicato ai nostri connazionali in America, il primo in assoluto che entra nelle cucine dove si preparano ricette di autore, raccontando così la storia dei ristoranti e degli chef. Sacrifici e sogni». Brindiamo è inoltre l’unico programma che dà il benvenuto negli Stati Uniti alle celebrità italiane da Massimo Ranieri a Barbara d’Urso e a Edoardo Bennato, da Ron a Raf. Ornella Fado ha inoltre lanciato i canali anche in Italia con l’idea di raccontare gli italiani nel mondo. Brindiamo oggi non è solo un programma made in New York ma è approdato in diverse altre città americane così come in Canada, nelle Bermuda e in Italia. Alcune edizioni speciali sono state anche girate sulle navi Mcs. The american dream è ancora realtà.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook