Domenica, 03 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Video Cultura L'esilio dell'archeologo di Luzzi, Mattia D'Acri: “Per scavare ‘a casa’ sono andato... in Usa” VIDEO

L'esilio dell'archeologo di Luzzi, Mattia D'Acri: “Per scavare ‘a casa’ sono andato... in Usa” VIDEO

Mattia D'Acri è un archeologo cosentino costretto ad andare all'estero per scavare... a casa. Sì, perché dopo aver tanto scavato (appunto) il dottorando originario di Luzzi si è ritrovato in Missouri. Già, in quanto i suoi studi, per diversi mesi dell'anno, sono concentrati su Roma e Pompei (in questa fase). Da una parte, la magra consolazione di fare la spola tra States e l'Italia (casa sua), dall'altra la beffa di dover lavorare su commissioni... statunitensi. Un paradosso, non l'unico del Bel Paese. Mattia, sorriso dopo sorriso, ha raccontato come si viva con la valigia... di cartone e un sogno grande così.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook