Mercoledì, 19 Settembre 2018
LA MORTE DEL PADRINO

Assassinio di Sena
assolti Gatto e Perri

omicidio sena, Cosenza, Calabria, Archivio

La Corte d’assise di Catanzaro ha assolto Mario Gatto e Giuseppe Perri dall’accusa di aver concorso materialmente nell’uccisione del vecchio padrino della ’ndrangheta bruzia. La mattina del 12 maggio del 2000, a Castrolibero, un commando assassinò Antonio Sena, una delle icone della ’ndrangheta bruzia. Un “uomo di rispetto” con amicizie importanti nel Reggino. Secondo la Dda di Catanzaro venne ucciso perché i maggiorenti della criminalità cittadina temevano un suo rientro in grande stile nella gestione degli affari illeciti, al fianco d’un altro temuto boss, Francesco Bruni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook