Martedì, 25 Settembre 2018
PROCESSO SUOR TANIA

Violenza da romeni
la suora non si presenta

processo, romeni, suor tania, violenza sessuale, Cosenza, Calabria, Archivio
processo violenza suor Tania

Era attesa in aula oggi a Cosenza Suor Tania, balzata alle cronache per aver denunciato una presunta violenza sessuale a suo carico da parte di  Padre Fedele Bisceglia, fondatore dell’Oasi Francescana a Cosenza,  e il suo segretario, entrambi condannati in primo grado, il processo d’appello è ancora in corso a Catanzaro. Nel tribunale bruzio la religiosa  doveva essere sentita nell’ambito di un altro procedimento intentato contro due romeni che avrebbero partecipato ad una violenza sessuale a suo danno, diversa dalle cinque denunciate dalla religiosa nell’ambito del caso Padre Fedele. Suor Tania,  difesa dall’avvocato Marina Pasqua, non si è presentata, era in aula invece uno dei due romeni, l’altro risulta irreperibile. Alla presunta violenza commessa all’interno di un’auto in una zona tra Donnici e Piano Lago, nel giugno del 2005, avrebbero partecipato, secondo la ricostruzione fatta dalla suora, anche due italiani, al momento ignoti. Oggi è avvenuta la costituzione delle parti, accolta la richiesta del Centro Antiviolenza Roberta Lanzino, ed è stato sentito il capo della squadra mobile di Palmi Stefano Dodaro che all’epoca dei fatti, in servizio a Cosenza, aveva sottoposto all’attenzione della religiosa le foto segnaletiche dei due imputati riconosciuti dalla donna come partecipi alla presunta violenza. Il processo è stato rinviato al 5 marzo prossimo e l’udienza si svolgerà a porte chiuse.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X