Venerdì, 22 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
RENDE

Screening neonatale
Universita' pronta
Regione non autorizza

ricerca, screening neonatale, unical, Cosenza, Calabria, Archivio
foto gazzetta del sud

L'Università della Calabria, pronta per lo screening neonatale. A sostenerlo è il prof. Giovanni Sindona, direttore del dipartimento di Chimica e Tecnologie Chimiche dell'ateneo di Arcavacata. Lo screening neonatale è “ un'analisi – spiega- che si fa sul sangue del neonato entro le prime 72 ore di vita e consente di individuare tra 50 e cento indicatori, si chiamano marcatori di patologie, che possono insorgere nel futuro”. Ci sono le attrezzature e il business plan che – sottolinea Sindona “porterebbe ad un ricavo e non ad un costo entro cinque anni di tre milioni di euro, all'interno dei quali sono previsti anche gli stipendi per i ricercatori a termine.” Cosa manca per l'attivazione del servizio? “L'autorizzazione da parte della Regione” “ perchè – evidenzia Sindona- si tratta di un intervento che ha senso solo se inserito in un protocollo regionale” Al momento in Calabria l'unica struttura in grado di effettuare lo screening neonatale è il Mater Domini di Catanzaro, ma aggiunge il docente dell'Unical “non con queste caratteristiche”. In alternativa la Sicilia o la Toscana. Nei laboratori dell'Unical sarebbe inoltre possibile l'uso della spettometria di massa per vedere le immagini. “Stessa cosa che fa la risonanza- precisa- con la differenza che la spettometria di massa va a vedere le molecole e quindi constata lo stato di qualunque superficie in funzione delle molecole.” “ Questo lo possiamo fare se abbiamo 40-50mila euro”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook