Martedì, 18 Settembre 2018
COSENZA

Reperti confiscati
vanno a Soprintendenza

carabinieri ntpc, raffaele giovinazzo, reperti, soprintendenza calabria, Cosenza, Calabria, Archivio

Tutti i reperti archeologici recuperati nel corso di alcune importanti operazioni condotte dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, Artistico e Ambientale della Calabria, con sede a Cosenza e guidati dal magg. Raffaele Giovinazzo, sono stati consegnati alla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria. Circa 700 tra 260 manufatti fittili, anfore,  sculture, pissidi, monete, monili e altri oggetti in terracotta, sequestrati durante le operazioni Krimisa, Eracle e San Sozonte, e poi confiscati tornano dunque nel patrimonio della regionale Calabria. La consegna stamani. “La cosa più importante - ha detto il Maggiore Raffaele Giovinazzo, comandante del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale della Calabria - è che adesso, grazie alla convenzione con la Soprintendenza, molti di questi oggetti saranno messi a disposizione degli studenti universitari per i loro studi, parte infatti sarà destinata alle università calabresi”.

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook