Lunedì, 16 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
COOPERATIVE B

Rinviati a giudizio
quattro indagati
processo nel 2014

“Un'assoluta carenza e superficialità nei controlli che avrebbero dovuto essere svolti dal Comune di Cosenza circa la puntuale esecuzione dei servizi affidati alle cooperative”. È questo il contesto in cui si sono sviluppate le presunte anomalie riscontrate dalla procura di Cosenza e dal sostituto procuratore, Antonio Tridico, titolare delle indagini, nella gestione delle cooperative di tipo a Palazzo dei Bruzi. Il Gup accogliendo le istanze del pm ha rinviato a giudizio quattro indagati:  Ivan Trinni, Domenico Plateroti, Mario Massaro, funzionario del Comune di Cosenza e Luigi Sicoli addetto all'Ufficio manutenzione. Stralciata la posizione di Maurizio De Rango. Il processo fissato per il  16 ottobre del 2014. Ai quattro vengono contestati a vario titolo i reati di falso, corruzione e tentata estorsione. L’inchiesta è partita lo scorso autunno quando sono stati acquisiti documenti sul rapporto economico-lavorativo tra le cooperative di tipo B e il comune. Riscontrate posizioni anomale, violanzioni e a fronte del costo dei 5 milioni di euro di costo i servizi sono sempre stati inadeguati se non carenti. Una inchiesta che ha spinto il comune ad adottare d’accordo con la prefettura criteri più rigidi a cominciare dai certificati antimafia nell’aggiudicazione delle gare e che ha sollevato proteste e malumori.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook