Martedì, 17 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Salma immigrato senza sepoltura
COSENZA

Salma immigrato
senza sepoltura

Da 36 giorni la salma di un clochard è nella cella frigorifera del cimitero comunale di Cosenza. L'uomo  trovato morto all'interno delle Cupole geodetiche della città dei bruzi. Non si può procedere nè alla sepoltura provvisoria  nel camposanto bruzio, nè al rimpatrio  della salma perchè non è stata fatta  ancora nessuna  comunicazione ufficiale al cimitero comunale sull'identità  della persona deceduta  e soprattutto per la mancanza di fondi  necessari a coprire le spese del trasporto. A sollevare il caso Franco Corbelli, leader del movimento diritti civili. L'uomo senza vita,  sarebbe di origine moldava. Ma non ci sarebbero documenti per la prova , nè parenti per procedere all'identificazione Corbelli oggi  rivolge un appello al prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao "massimo rappresentante dello stato nella città e nella provincia di Cosenza", chiedendogli di "intervenire subito, prima di Natale, per porre fine alla disumanità di quella salma, dimenticata e abbandonata nella camera mortuaria del cimitero".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook