Mercoledì, 26 Settembre 2018
CORIGLIANO ROSSANO

Penna-pistola col colpo in canna

di
antonio cimino, Cosenza, Calabria, Archivio
Penna-pistola col colpo in canna

Aveva in casa una penna pistola con un colpo in canna, un fucile semiautomatico Benelli con la matricola abrasa e diverse munizioni. Ad eseguire il blitz sono stati i carabinieri dell’aliquota operativa della Compagnia di Corigliano, guidati dal luogotenente Antonio D’Ingianna. A finire in manette è Antonio Cimino, settantenne coriglianese, già noto alle forze dell’ordine, zio dei collaboratori di giustizia Giovanni e Antonio Cimino, ucciso il 24 maggio del 2001 mentre beveva un caffè all’interno d’un bar. Lo hanno arrestato ad Apollinara.

Leggi il resto dell'articolo nell'edizione cartacea

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X