Venerdì, 22 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Talpe alla Procura di Castrovillari, insospettabili proteggerebbero una rete di usurai

di

Un pizzino chiuso in una cassaforte proverebbe che alcuni (insospettabili) colletti bianchi proteggerebbero una rete di usurai. Ci sarebbe questo, secondo i magistrati della Procura di Castrovillari, diretti dal capo dei pubblici ministeri Eugenio Facciolla, dietro la sospensione dalle mansioni di Antonio Pace, castrovillarese cinquantatreenne, dipendente della stessa Procura.

Ieri il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Castrovillari, Gianna Martino, ha imposto uno stop di otto mesi al presunto “infedele” che sarebbe stato beccato dagli inquirenti a rivelare atti attinenti ad un procedimento penale normalmente coperto dal segreto istruttorio.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook