Venerdì, 03 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Torrente Mucone “avvelenato”, misura interdittiva per la Consuleco a Bisignano
NEL COSENTINO

Torrente Mucone “avvelenato”, misura interdittiva per la Consuleco a Bisignano

di

Il fiume “avvelenato”. Il depuratore gestito dalla società Consuleco a Bisignano, centro della provincia di Cosenza, avrebbe cagionato alterazioni gravissime all'ambiente e al sistema delle acque di quell'area.

Dall'impianto industriale, infatti, sarebbero state sversate nel torrente Mucone sostanze altamente nocive provenienti da siti produttivi pugliesi, campani, siciliani e calabresi. Si tratta - secondo le analisi compiute - di idrocarburi, arsenico, cadmio, piombo, nichel, in grado di provocare danni gravi al sistema nervoso ed a quello digerente. È per questo che la Procura di Cosenza ha chiesto al gip, Piero Santese, l'emissione di una misura interdittiva nei confronti della società perché non possa più contrattare con i privati e le pubbliche amministrazioni.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Cosenza

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook