Giovedì, 02 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Retata a Cosenza, il “sistema” mafioso svelato dai pentiti
OPERAZIONE OVERTURE

Retata a Cosenza, il “sistema” mafioso svelato dai pentiti

di

Quello messo su da Gianfranco Sganga, all'indomani della sua scarcerazione (nel dicembre del 2016), non era più propriamente un clan. Cosca, clan e “locale” a partire da una certa data sono diventate parole antiche, desuete. A un certo punto, nell'area urbana bruzia, è comparso il termine “sistema”.

Un sostantivo che racchiude una sorta di organigramma piramidale attraverso il quale i sodali esercitano un capillare controllo sul territorio. Almeno così raccontano i pentiti Giuseppe Zaffonte, Anna Palmieri, Alberto Novello, Luca Pellicori, Luciano Impieri e Celestino Abbruzzese. Tutti concordi nel collocare al vertice della piramide criminale proprio Gianfranco Sganga, uomo di rispetto dell'antica cosca Perna, divenuto - sempre secondo le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia - un “mammasantissima” al quale si doveva baciare la mano.

L'articolo nell'edizione di Cosenza della Gazzetta del Sud in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook