Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, medici "a mani nude" contro il Coronavirus: crescono i timori per una nuova ondata
SANITÀ

Cosenza, medici "a mani nude" contro il Coronavirus: crescono i timori per una nuova ondata

di

Il virus è un soffio incerto che scorre dentro le cavità carsiche della nostra sanità per riemergere negli ospedali dove la vita e la morte tornano a sfiorarsi. Il problema è che la Calabria ha sprecato il vantaggio di mesi a trazione “covid-free”, ignorando la necessità di pianificare una strategia concreta per fronteggiare la diffusione del patogeno in sicurezza.

Il timore di una seconda ondata alimenta il rischio di un sovraccarico d'accessi in pronto soccorso, con un personale impreparato ad affrontare l'eventuale assedio di ammalati. All'“Annunziata” di Cosenza (ma la situazione è identica negli altri ospedali della provincia), le tende per il triage esterno restano chiuse.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook