Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ospedale di Cosenza in difficoltà, l'allarme di Occhiuto: «Mancano letti e medici»
CORONAVIRUS

Ospedale di Cosenza in difficoltà, l'allarme di Occhiuto: «Mancano letti e medici»

di
coronavirus, Mario Occhiuto, Cosenza, Calabria, Cronaca
L'ospedale dell'Annunziata di Cosenza

Il virus ha cambiato dentro e fuori i tratti somatici del Cosentino. Un territorio che sta riscoprendo sentimenti assoluti e odiosi come l'isolamento sociale e la separazione dai propri affetti. Atteggiamenti che rischiano di diventare comuni come la paura d'incontrare la belva.

Qualcuno se la cava senza sintomi (e, attualmente, in tutta la provincia ce ne sono 522), altri lamentano sintomi lievi o, comunque, gestibili a domicilio (sono in tutto 107). Il problema è rappresentato da quei 35 finiti in corsia. Tutti a Cosenza, all'“Annunziata”. In 32 si trovano nel reparto di Malattie Infettive con posti ormai esauriti e medici al lavoro per estendere la degenza a Rogliano, come era stato già fatto a marzo. In terapia intensiva, invece, ci sono tre pazienti da un paio di giorni che occupano la metà della disponibilità. Pochi letti, pochi medici. Riflettori sulla gestione dell'emergenza, un problema secondo il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto: «La situazione più preoccupante purtroppo rimane quella del nostro ospedale che cura tutti gli ammalati della provincia ma non ha neanche implementato i posti letto nel reparto di malattie infettive».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione della Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook