Lunedì, 25 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mirto, morì in una Casa di cura: cinque medici nei guai
L'INCHIESTA

Mirto, morì in una Casa di cura: cinque medici nei guai

di
Imputazione coatta per i sanitari che l’anno curata dopo la riesumazione della salma d’una 55enne.
cinque medici, imputazione coatta, Maria Straface, Cosenza, Cronaca
Il tribunale di Cosenza

Dopo una riesumazione e 4 richieste di archiviazione arriva l’imputazione coatta per cinque medici della Casa di Cura “M. Misasi” di Cosenza per il decesso di Maria Straface, a 55 anni, originaria di Mirto Crosia avvenuto nella struttura cosentina nel dicembre del 2015. I familiari avevano sporto denuncia querela per ipotesi di colpa medica nei confronti di tutti i sanitari che la ebbero in cura nel suo travagliato percorso iniziato con il ricovero nel reparto di neurologia dell’Ospedale Annunziata di Cosenza, a seguito di emorragia mesencefalica e poi proseguito con la riabilitazione nella Casa di Cura “Misasi-De Bartolo”. Su istanza dei congiunti della donna, rappresentati dall’Avv. Aldo Zagarese del Foro di Castrovillari, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cosenza, disponeva con decreto del 20 gennaio 2016 la riesumazione della salma per eseguire l’accertamento irripetibile dell’esame autoptico ai fini di accertare le cause dell’avvenuto decesso.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook