Domenica, 20 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Scalea, l’ex sindaco Russo temeva di essere controllato
OPERAZIONE "RE NUDO"

Scalea, l’ex sindaco Russo temeva di essere controllato

di
Gli illeciti riguarderebbero falsi certificati di invalidità e di morte per il rilascio di patente e porto d’armi
asp, diamante, inchiesta, re nudo, scalea, Mario Russo, Cosenza, Cronaca
La sede dell'Asp di Diamante

La bufera giudiziaria, che si è abbattuta sulla sanità del Tirreno cosentino con l’operazione “Re nudo”, ha coinvolto ex sindaci, assessori, rappresentanti delle forze dell’ordine e delle istituzioni. La maxi-inchiesta, inizialmente avviata dalla Dda di Catanzaro (guidata dal procuratore Nicola Gratteri) e poi proseguita per competenza dalla Procura di Paola (diretta da Pierpaolo Bruni) ruota attorno al ruolo dell’ex sindaco di Scalea Mario Russo, arrestato in qualità di medico legale e presidente della Commissione per le invalidità di Diamante. L’esponente di Forza Italia temeva di essere sotto indagine. Secondo l’accusa, gli illeciti riguarderebbero falsi certificati di invalidità e di morte e falsi certificati per il rilascio della patente e per il porto d’armi. Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, di concussione, corruzione, associazione per delinquere, falsità materiale e ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, truffa aggravata ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche, induzione indebita a dare o promettere utilità. A Russo sono contestati 233 capi di imputazione.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook