Mercoledì, 29 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Villapiana, caccia al killer capace di sparare sempre con due pistole
IL GIALLO

Villapiana, caccia al killer capace di sparare sempre con due pistole

di
Gli investigatori sulle tracce del sicario armato di Glock e revolver 38 autore dell’omicidio del boss Portoraro
killer, omicidio, villapiana, Leonardo Portoraro, Cosenza, Cronaca
L'omicidio del boss Leonardo Portoraro avvenuto nel 2018 davanti al bar di famiglia a Villapiana Lido

Il “pistolero”. Freddo come il ghiaccio, con il cuore di pietra e una straordinaria abilità nell’uso delle armi. L’uomo giusto per chiudere un “contratto” complicato: l’assassinio di un padrino. E non di un capobastone qualsiasi ma di Leonardo Portoraro, esponente della vecchia guardia della ‘ndrangheta sibarita, con un passato di lunghi anni trascorsi in carcere e un bagaglio di “amicizie” e “comparaggi” di peso. Don “Nardullo”, in un’afosa mattinata di caldo estivo, stava sorseggiando una bibita fresca seduto al tavolo d’un bar di Villapiana: con il bicchiere in mano e gli occhi sempre vigili sulla strada antistante. All’improvviso arriva un auto, veloce come un lampo: il padrino vede scendere due uomini incappucciati e capisce che la fine dell’avventura terrena è arrivata, ma non ha il tempo di fuggire. Uno dei sicari sembra uscito da un film: impugna due pistole. Nella mano sinistra stringe una Glock calibro 9, nell’altra un revolver 38. La sua mira è infallibile e Portoraro viene fulminato da tre pallottole di piombo incandescente. Ma chi è l’omicida capace di far fuoco contemporaneamente con due pistole? Da dove viene?

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook