Domenica, 17 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidio del piccolo Cocò a Cassano, confermato l'ergastolo per Campilongo e Donato
IN CASSAZIONE

Omicidio del piccolo Cocò a Cassano, confermato l'ergastolo per Campilongo e Donato

di
La morte del bambino indusse il Pontefice a recarsi in Calabria e, nel giugno di quello stesso anno, Jorge Bergoglio "scomunicò" i mafiosi
Cosenza, Cronaca
Cocò Campolongo

L'omicidio che scosse Papa Francesco. La Corte di Cassazione ha confermato la condanna all'ergastolo inflitta in primo e secondo grado, a Cosenza e Catanzaro, a  Fausto Campilongo e Cosimo Donato, smascherati grazie ad una lunga indagine condotta dalla Dda di Catanzaro e dai carabinieri.

I due imputati sono stati ritenuti responsabili, con sentenza definitiva, di concorso nel triplice omicidio di Nicola “Cocò” Campolongo, il bimbo di 3 anni assassinato nelle campagne di Cassano insieme con il nonno, Giuseppe Iannicelli e una donna marocchina, Betty Taoussa, nel gennaio del 2014. I corpi delle vittime, dopo l'agguato, vennero dati alle fiamme.

La morte del bambino indusse il Pontefice a recarsi in Calabria, nel giugno di quello stesso anno e, durante l'incontro con 250.000 fedeli assiepati a Sibari ad ascoltarlo, Jorge Bergoglio "scomunicò" i mafiosi. Il discorso pronunciato quel giorno dal Papa è passato alla storia: mai, infatti, la Chiesa aveva assunto una posizione tanto forte e determinata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook