Sabato, 04 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, pronto soccorso sotto assedio e rete territoriale in sofferenza
SANITA'

Cosenza, pronto soccorso sotto assedio e rete territoriale in sofferenza

di
Servizi assistenziali incapaci di garantire visite e cure ai cittadini

Il luogo giusto per capire la sanità non è solo l’ospedale. La sanità in Calabria, e nel Cosentino in particolare, è una vertigine di paura che sprofonda dentro servizi assistenziali che non assistono. La rete colabrodo degli ospedali periferici continua a riversare i suoi pazienti sul Pronto soccorso dell’“Annunziata” che, in realtà, dovrebbe essere dedicato all’alta specialità e che, invece, con le patologie gravi, gestisce pure tonsilliti, attacchi di panico e coliti. In linguaggio tecnico si chiamano “accessi impropri” in realtà si tratta di gente disperata che arriva dopo aver provato, inutilmente, a seguire tutta la filiera dell’assistenza territoriale.
Ma proprio il territorio mostra le ferite di anni di saccheggi e di tagli con reparti cancellati e personale non sostituito. Tagli di spesa che hanno generato altre spese. Senza contare che le guardie mediche, che dovrebbero garantire la continuità assistenziale di medico di base e pediatra durante i notturni e i festivi, spesso restano chiuse perché non si trovano professionisti liberi.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook