Sabato, 24 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
LA SCULTURA

La “Grande maternità” restaurata a Rogliano impreziosisce la Galleria Nazionale

di

«Non riesco a capire come lei possa essere riuscito a realizzare lo stato finale della scultura da quel rudere che veniva dalla fonderia di Milano. Non ho parole per ringraziarla della sua straordinaria abilità e per tutta la conoscenza e l’amore che ha messo per realizzare il restauro».

Si è commosso l’architetto Amedeo Lico quando Giulia Mafai Raphael, figlia dell’artista Antonietta Raphael, ha pronunciato queste parole durante la visita presso i laboratori roglianesi dove è stata restaurata la scultura “Grande maternità”, donata da Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona alla Galleria Nazionale di Palazzo Arnone.

La versione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione della Gazzetta del Sud - edizione di Cosenza.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook