Domenica, 28 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Cosenza, la galassia grillina tra scalate e picchiate
L'ANALISI

Cosenza, la galassia grillina tra scalate e picchiate

di
I dati roboanti incassati alle politiche e alle europee sempre ridimensionati a livello locale
cosenza, m5s, Cosenza, Politica
La deputata locale Anna Laura Orrico con l’ex ministro Lucia Azzolina, a Cosenza, durante la campagna elettorale

Il tiro alla fune innescato dalla variabilità degli umori nella galassia grillina ha periodicamente aggiornato la mappa del consenso in città. Tra scalate ardite e picchiate improvvise, il movimento ha chiuso un quinquennio schizofrenico. Le urne hanno continuamente rimodulato quell’idea di politica sempre più “esternalizzata” e aperta alla società civile proposta dai pentastellati, alternandola ciclicamente al sistema meno rivoluzionario dei partiti tradizionali. Uno schema che, ad esempio, ha consentito ai 5 Stelle di scalare vette mai esplorate alle politiche del 2018, con 16.128 preferenze (il dato è riferito allo spoglio delle 82 sezioni di Cosenza) ricevute da Anna Laura Orrico alla Camera e altre 14.913 da Nicola Morra al Senato. Un dato straordinario confermato, anche alle Europee con elezione e conferma di Laura Ferrara. Numeri bollati sempre come voto d’opinione ispirato, soprattutto, dai contenuti delle politiche sociali del M5S che in quegli anni proposero e, poi, istituirono il reddito di cittadinanza. A livello locale, però, è stata sempre un’altra storia con un’onda sempre contenuta da un movimento in versione meno baldanzosa. I risultati bulgari delle competizioni nazionali ed europee sono svaniti, ad esempio, al debutto alle comunali di Cosenza nel 2016 con appena 954 preferenze e un complessivo 2,37%. Un dato che è stato quasi raddoppiato a distanza di cinque anni. Il 3 e 4 ottobre, i grillini hanno portato a casa 1.408 voti con il 4,18% e, soprattutto, un assessore, secondo gli accordi pre-ballottaggio tra Franz Caruso e il commissario provinciale del Pd Francesco Boccia. A Palazzo dei Bruzi dovrebbe andare il farmacista Gianpaolo Romanello che è stato il più votato della lista pentastellata con 159 consensi. Certo, sulla carta, le urne sembrano vuote in rapporto alle piazze stracolme in occasione dei comizi dell’ex premier Giuseppe Conte.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook