Sabato, 19 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Giornata della memoria a Guardia Piemontese per non dimenticare l'eccidio dei valdesi
L'INIZITIVA

Giornata della memoria a Guardia Piemontese per non dimenticare l'eccidio dei valdesi

di

La giornata della memoria di Guardia Piemontese ha assunto quest’anno un significato più profondo. Dopo 460 anni è ritornata la fede valdese con l'ammissione in chiesa di Gabriella Sconosciuto e Francesco Treviso. L’iniziativa si è tenuta nello spiazzo del Centro culturale “Gian Luigi Pascale” con un culto pubblico presieduto dal pastore Jens Hansen.

Francesco Treviso, Jens Hansen e Gabriella Sconosciuto

Il 5 giugno 1561 Guardia Piemontese assistette ad uno dei più grandi massacri della storia. Furono trucidati centinaia di valdesi. Le popolazioni di origine valdese proveniente dalle valli del Piemonte e insediatesi in Calabria nel tredicesimo secolo vissero quasi indisturbate fino al grande eccidio che non risparmiò nemmeno donne e bambini. Sottoposte a inquisizione e a controlli si ribellarono e per undici giorni si calcola che circa duemila persone furono barbaramente uccise.
Una giornata che vuole essere una celebrazione comunitaria per trasmettere alle nuove generazioni una significativa pagina di storia che appartiene non solo alla gente di Guardia, ma alla Calabria, all’Italia, all’Europa e al mondo tutto. “Con tale evento si è reso omaggio - si spiega in una nota - al coraggio e alla dedizione di chi affrontò la morte pur di non rinunciare alla confessione aperta  della propria fede, con una fedeltà e con uno spirito di sacrificio che destano a tanti anni di distanza ancora una grande ammirazione”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook