Venerdì, 09 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca 'Ndrangheta decapitata a Cosenza, gli indagati fanno scena muta davanti al Gip

'Ndrangheta decapitata a Cosenza, gli indagati fanno scena muta davanti al Gip

di

Giornata di interrogatori. Sono iniziati, ieri mattina, davanti ai gip calabresi gli interrogatori di garanzia di molte delle persone finite in carcere giovedì nell’ambito della mega inchiesta della Dda di Catanzaro. Quasi tutti si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, alcuni hanno rilasciato dichiarazioni spontanee. Soltanto l’imprenditore Ariosto Artese ha risposto alle domande del gip respingendo ogni accusa. Ha negato qualsiasi rapporto con esponenti della criminalità organizzata cosentina.

Ieri il gip di Cosenza, Salvatore Carpino, per rogatoria, ha interrogato Luca Simerano, Francesco Stola, Roberto Zengaro, Pasquale Bruni, Armando De Vuono, Massimo Ciancio. L’imprenditore Remo Florio ha voluto rilasciare dichiarazioni spontanee dicendo che si tratta di accuse assolutamente infondate perché lui non ha mai avuto rapporti con organizzazioni mafiose. Tra gli interrogati di ieri, anche, Fabrizio Fuoco, Francesco Curcio, Oscar Fuoco, Gianluca Benvenuto, Alessio De Cicco, Antonio Colasuonno, Francesco Mazzei, Francesco Gualano e Fabio Laratta. A Catanzaro sono stati interrogati dal gip Claudio Alushi, Antonio Chiodo, Stefano Salerno, Gino Garofalo, Salvatore Calandrino. A Vibo Valentia, infine, sono stati interrogati Michele Rende, Sandro Vomero, Andrea Greco, Mario Piromallo, Giuseppe Presta, Francesco Ripepi, Denny Romano, Eugenio Satiro, Ivan Trinni, Fiore Bevilacqua, Salvatore Ariello, Antonio Abbruzzese, Cesare D’Elia, Daniele Chiaradia, Giovanni Drago, Alberigo Granata, Mario Gervasi, Ariosto Artese, Carmine e Giuseppe Caputo, Antonio Bevilacqua, Giuseppe Bartucci, Massimo Benvenuto, Cosimo Bevilacqua, Cosimo Bevilacqua (1995), Fabio Bevilacqua, Giuseppe Broccolo, Andrea Bruni, Francesco Bevilacqua, Agostino Briguori, Alessandro Catanzaro, Giovanni Garofalo, Sergio La Canna, Antonio Manzo, Fabio Giannelli e Andrea Mazzei. Quasi tutti hanno scelto di non rispondere alle domande del gip sia in attesa di leggere bene gli atti.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook