Domenica, 25 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
CASSANO ALLO IONIO

La triste sorte degli scavi di Sibari finiti sotto mezzo metro d'acqua

di

Le nuove piogge cadute copiosamente in settimana hanno rinverdito nella memoria i tempi nefasti vissuti nel gennaio del 2013 quando l’esondazione del fiume Crati ricoprì di fango gli scavi di Sibari.

A meno di un anno dalla riapertura del Parco archeologico rimesso a nuovo a suon di milioni di euro, però, i monumenti dell’antica Sybaris, città magnogreca fondata nel 720 a.C, custoditi nel Parco del Cavallo, il secondo sito per dimensione e importanza archeologica di tutto il Sud Italia dopo Pompei, sono finiti di nuovo sotto mezzo metro d’acqua.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione Calabria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook