Mercoledì, 14 Novembre 2018
CASSANO ALLO IONIO

La triste sorte degli scavi di Sibari finiti sotto mezzo metro d'acqua

di

Le nuove piogge cadute copiosamente in settimana hanno rinverdito nella memoria i tempi nefasti vissuti nel gennaio del 2013 quando l’esondazione del fiume Crati ricoprì di fango gli scavi di Sibari.

A meno di un anno dalla riapertura del Parco archeologico rimesso a nuovo a suon di milioni di euro, però, i monumenti dell’antica Sybaris, città magnogreca fondata nel 720 a.C, custoditi nel Parco del Cavallo, il secondo sito per dimensione e importanza archeologica di tutto il Sud Italia dopo Pompei, sono finiti di nuovo sotto mezzo metro d’acqua.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione Calabria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X