Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La vita sospesa nelle zone rosse del Cosentino dopo l’onda di piena del Coronavirus
"ZONE ROSSE"

La vita sospesa nelle zone rosse del Cosentino dopo l’onda di piena del Coronavirus

di
coronavirus, zona rossa, Cosenza, Calabria, Cronaca
La casa di riposo di Bocchigliero dove è scoppiato il focolaio

Li chiamano “paesi focolaio” perché sono chiusi per virus. Dentro le mura di quei cinque borghi del Cosentino, in mezzo a quelle case, la vita continua a restare sospesa anche adesso che l’onda di piena sembra passata.

Ora il rischio è che il contenimento del virus aggravi lo storico isolamento di alcuni di questi piccoli paesi. Il primo epicentro infettivo a sperimentare l’isolamento è stato San Lucido, l’ultimo Torano Castello. Tra i borghi in quarantena sono finiti anche Rogliano, Bocchigliero e Oriolo. Una sola ordinanza, finora, è stata revocata: quella per Santo Stefano di Rogliano. Chiuso e riaperto dopo la certezza d’aver spento le fiamme del contagio.

A San Lucido in quaranta giorni si sono contate quattro vittime in mezzo a 53 casi complessivi. Un incubo infinito fatto di paure che si univano ad altre paure. Rogliano, con gli oltre 5.700 abitanti è la “zona rossa” più grande. Lì il virus ha colpito le istituzioni. In ospedale sono finiti il sindaco, il vice, il capo della Municipale, e i carabinieri della Stazione.

Anche a Oriolo, l’infezione ha attraversato le stanze del Municipio. In ospedale sono finiti il sindaco Simona Colotta (che proprio ieri è stata dimessa ed è tornata a casa) e un consigliere comunale (con la mamma e un impiegato dell’Asp). Altri rappresentanti dell’ente locale sono sotto cura a casa. In totale, l’Asp segnala 27 casi dall’inizio dell’epidemia.

A Bocchigliero, prima, e a Torano, dopo, i lucchetti sono stati chiusi dopo le infezioni che si sono scatenate all’interno di strutture protette per anziani.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook