Martedì, 15 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Terme Luigiane, i sindaci di Acquappesa e Guardia Piemontese: rilanciare il comparto
L'INTERVENTO

Terme Luigiane, i sindaci di Acquappesa e Guardia Piemontese: rilanciare il comparto

di
«È arrivato il momento di lasciare spazio alla libera concorrenza e di portare a termine l’iter procedurale del bando pubblico, che dovrà individuare un nuovo concessionario»
acquappesa, guardia piemontese, sindaci, terme luigiane, Francesco Tripicchio, Vincenzo Rocchetti, Cosenza, Economia
La struttura delle Terme Luigiane vista dall'alto

I sindaci di Acquappesa e Guardia Piemontese, Francesco Tripicchio e Vincenzo Rocchetti, hanno ribadito quelle che sono le proprie posizioni, volte al rilancio del compendio termale ed allo sviluppo del territorio. Concetti che si attengono alle normative ed alle leggi in vigore. «È arrivato il momento di lasciare spazio alla libera concorrenza e di portare a termine l’iter procedurale del bando pubblico, che dovrà individuare un nuovo concessionario del compendio delle Terme Luigiane». Un punto strategico e nevralgico, che a dire dei comuni non può più essere disatteso.

L'incontro

«Dinanzi ai funzionari della Prefettura, le sigle sindacali ed i rappresentanti della Sateca – la società, che, attualmente gestisce le attività termali – abbiamo chiarito una serie di aspetti, che meritano attenzione e approfondimenti, onde evitare confusione e strumentalizzazioni, basate sul nulla. Innanzitutto, è sbagliato affermare che la Regione sia assente. I Comuni, infatti, sono titolari di una concessione delle acque termali, che prima era perpetua e ora è temporanea (scade nel 2036), in forza al decreto della Regione Calabria, del 18 Dicembre 2019. Va da sé, pertanto, che gli enti comunali di Acquappesa e Guardia Piemontese, sono gli attori principali, se non unici, della questione, proprio perché titolari delle acque termali. Alla Regione Calabria, deve andare, invece, un plauso, per l’atteggiamento corretto che ha assunto, evitando ingerenze». Nel contempo, un ringraziamento è stato rivolto anche agli organi prefettizi: al Prefetto ed ai due vice prefetti, che hanno offerto agli enti l’opportunità di esplicitare, in maniera inequivocabile e corretta l’intera questione. Vi è da aggiungere, che, nel corso dell’incontro, è stato ribadito l’assoluto interesse, da parte delle due amministrazioni comunali, rivolto alla salvaguardia degli attuali livelli occupazionali. Non a caso, si è già deciso di inserire, nel redigendo bando, una clausola a tutela dei lavoratori.

Salvaguardare l'occupazione

Ad oggi, i Comuni di Acquappesa e di Guardia Piemontese hanno altresì preteso la prosecuzione delle attività termali (nonostante il contratto sia scaduto ed in fase di prosecuzione al 31 dicembre 2020), al fine di salvaguardare gli stessi ed attuali livelli occupazionali. «Pare pertanto evidente, che se i posti di lavoro risultano a rischio, le responsabilità sono da attribuire unicamente alla Sateca. In tal senso, sarebbe il caso che i sindacati iniziassero a confrontarsi, per risolvere questa problematica, con la società Sateca. Per quanto ci riguarda, infatti, avremo modo di confrontarci, con le sigle sindacali, nella definizione finale del redigendo bando, dichiarandoci pronti a recepire eventuali consigli e suggerimenti». Focalizzando l’attenzione sul bando, si è rimarcata la necessità di completarlo e di avviarsi alla pubblicazione. Per fare ciò, è assolutamente indispensabile che, i due Comuni, rientrino in possesso dei propri beni, tra l’altro inutilizzati e posseduti senza titolo. «Ricordiamo, che, più volte ed in più sedi, abbiamo manifestato la volontà di consentire l’utilizzo, dei beni strettamente necessari, per la prosecuzione delle attività termali. Il 7 gennaio prossimo, dunque, ci attendiamo, come da avvenuta convocazione, la consegna dei beni di nostra proprietà. Decorso questo termine, ci vedremo purtroppo costretti, per come già avvertito (e non minacciato), a procedere all’esecuzione coattiva, in maniera unilaterale, l’8 gennaio 2021, così come tra l’altro previsto dalla legge».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook